Poesie

Auguri Pap (San Giusep)

 

 

 
 

L'eva urmai primavera

e daparm sevi li tra l suu e la sera,

sl sccos dal balcun,

l co in di nivui e i gamb a penzulun.

Sentivi cant in gir pa l munt

e fisavi lacqua sota l punt,

che cantava leva un rosc da fiulit

da tt i culur,sciuri e puarit.

cantavan la canzun dal pap,

quela che fa pens,

la rimbumbava fin s in Paradis

quasi a cerca dal San Giusep un suris.

L'eva urmai sci la lna:

a tt i p,bona furtna!